In un precedente approfondimento pubblicato sul nostro blog, abbiamo parlato di come la muratura in blocchi – sia essa in cemento autoclavato o in termolaterizio – possa essere utilizzata con successo in un’ampia gamma di applicazioni, dalle murature portanti alle pareti monostrato e pluristrato, fino a quelle di tamponamento e di rivestimento.

La grande flessibilità applicativa di questi sistemi costruttivi è, assieme alla leggerezza e maneggevolezza, alla semplicità di lavorazione, alle ottime qualità strutturali e di isolamento termoacustico, uno dei vantaggi oggettivi più noti che rendono le murature in blocchi soluzioni richieste e apprezzate nei contesti più diversi.

Le murature in blocchi più conosciute fanno essenzialmente riferimento a tre grandi marchi: Ytong e Gasbeton® per quanto riguarda i sistemi costruttivi in cemento aerato autoclavato (chiamati talvolta informalmente “blocchi in CLS alleggerito”), e POROTON® per quanto riguarda invece le murature in termolaterizio (o laterizio porizzato). Entrambe queste tipologie di murature in blocchi vengono utilizzate con successo per costruzioni ex novo e per la ristrutturazione di opere architettoniche preesistenti, sia per la costruzione di murature portanti che non portanti.

Scopriamo a seguire quali sono le principali soluzioni disponibili.

Murature in blocchi: le componenti di un sistema portante

In linea generale, si definisce muratura portante una struttura edilizia costituita principalmente da elementi che supportano il carico verticale della costruzione e trasferiscono tali forze al suolo sottostante. In altre parole, un sistema portante in muratura è l’ossatura di un edificio, ed è chiamato a fornire opportuna stabilità strutturale e resistenza agli sforzi verticali.

Gli elementi della muratura portante sono disposti in modo da formare pareti verticali e pilastri che sostengono i solai: un metodo costruttivo da tempo ampiamente utilizzato in architettura e facilmente riscontrabile in varie declinazioni, sia in edifici tradizionali o classici che moderni. Tipicamente, le murature portanti sono collocate lungo il perimetro dell’edificio e negli ambienti interni così da garantire un adeguato supporto strutturale all’interno manufatto.

Va da sé che la muratura portante potrà essere realizzata con l’ausilio di diversi sistemi costruttivi, che verranno definiti in funzione dei requisiti strutturali ed estetici da soddisfare. Nel caso delle murature in blocchi in termolaterizio o in cemento aerato autoclavato, sono disponibili soluzioni diversificate che soddisfano le più diverse e sfidanti esigenze progettuali.

Per quanto riguarda le murature in blocchi in cemento aerato autoclavato, Ytong propone ad esempio sistemi che rispondono ai requisiti di legge richiesti dall’Eurocodice 6 sulle regole generali per la progettazione in muratura armata e non armata. Oltre ad includere il sistema portante, la gamma proposta si completa con prodotti accessori come architravi portanti, elementi di irrigidimento e tralicci in armatura, dando vita a una soluzione completa pienamente compatibile con le esigenze strutturali di edifici in zone a bassa e media sismicità. Ulteriore vantaggio garantito dalla gamma Ytong è legato alle elevate prestazioni energetiche delle murature in blocchi, che non richiedono l’applicazione di alcun cappotto termico isolante.

Più nello specifico, Ytong mette a disposizione i blocchi SismiClima per la costruzione di murature in blocchi portanti ordinarie senza necessità di cappottatura né di irrigidimenti in cemento armato. Il sistema costruttivo garantisce infatti non soltanto le straordinarie caratteristiche di resistenza meccanica proprie del cemento aerato autoclavato, ma anche elevate prestazioni energetiche in uno spessore di soli 40 centimetri (la trasmittanza termica di questi blocchi è infatti pari a 0,20 W/m2K).

Tale sistema costruttivo è particolarmente indicato per la costruzione di murature portanti in edifici compatti e dalla pianta regolare, con altezza non superiore ai tre piani.

Laddove vi fosse invece l’esigenza di utilizzare i blocchi in CLS alleggerito per realizzare murature portanti armate, Ytong propone sistemi costruttivi che rispettano le normative NTC 2018:

  • Blocchi Thermo per le murature portanti di edifici in aree caratterizzate da agS ≤0.075g.
  • Blocchi Sismico (con valore di resistenza meccanica pari a 5 MPa) per aree con valore di agS compreso tra 0,075 g e 0,15 g.

Anche i blocchi in termolaterizio possono, ovviamente, essere utilizzati per la costruzione di murature portanti. In tal senso, POROTON® offre soluzioni monostrato e pluristrato per diverse applicazioni. Le prime sono ideali per realizzare murature portanti di spessore variabile tra i 25 e i 45 cm e, nella fase di posa in opera, potranno comportare sia l’impiego di giunti di malta continui sia interrotti. Si procederà successivamente all’applicazione di intonaco termoisolante esterno (o di rivestimento a cappotto) per raggiungere i più alti requisiti di isolamento termico.

La muratura in blocchi POROTON® può essere impiegata anche per la realizzazione di murature portanti a più strati (per esempio nel caso di doppie pareti portanti) con molteplici stratigrafie possibili, da definirsi in funzione dei requisiti prestazionali da raggiungere.

Murature in blocchi: le componenti di un sistema non portante

Le murature non portanti, chiamate anche divisorie, si differenziano dalle precedenti perché non coinvolte nella resistenza agli sforzi verticali dell’edificio. L’obiettivo di questi sistemi è primariamente quello di suddividere e definire gli ambienti interni e contribuire al loro isolamento. Per definizione, le murature divisorie sono posizionate all’interno dell’edificio e non sono chiamate a sostenere il peso della struttura.

In funzione della già citata flessibilità di utilizzo e delle loro straordinarie caratteristiche tecniche, le murature in blocchi si rivelano soluzioni altamente efficaci anche per questa tipologia di realizzazione. I blocchi in cemento alleggerito Gasbeton®, ad esempio, sono perfetti per realizzare pareti interne leggere, robuste e resistenti al fuoco: in questo caso, la tecnica costruttiva prevede il taglio a misura dei blocchi, l’erogazione di un apposito adesivo super-resistente e la posa, dando vita a un sistema pulito ed efficace, molto leggero e quindi utilizzabile in modo sicuro anche ai piani alti degli edifici, e decisamente rapido da realizzare.

Le medesime caratteristiche sono tipiche delle murature in blocchi Ytong, che si rivelano ideali anche per la costruzione di pareti divisorie acustiche e muri tagliafuoco. Numerosi i sistemi costruttivi disponibili a seconda delle esigenze di progetto: le tavelle Ytong in CLS aerato autoclavato (anche in formato XL) sono ad esempio un’ottima soluzione per la realizzazione di murature interne grazie alla loro leggerezza, semplicità e velocità di realizzazione delle tracce impiantistiche, eccellente resistenza al fuoco e marcata pulizia.

Un’ottima soluzione per la realizzazione di murature non portanti interne in blocchi è poi rappresentata dal sistema Ytong di spessore 20/24/30, particolarmente indicato per costruire muri di spina centrali caratterizzati da elevate resistenza meccanica, stabilità e monoliticità.

Se l’obiettivo di progetto è invece ottenere un elevato isolamento acustico tra ambienti confinanti, Gasbeton® propone il sistema Acustic, ideale per la costruzione di murature non portanti fonoisolanti. Caratterizzato da una marcata volumetria, questo speciale blocco da muratura è infatti in grado di ottenere il più alto grado di isolamento acustico dai rumori aerei mai raggiunto con il calcestruzzo aerato autoclavato ed è indicato per la realizzazione di doppie pareti con isolamento in intercapedine tra ambienti confinanti. Inoltre, con il suo spessore da 8 a 12 cm può essere impiegato anche per la costruzione di murature singole monostrato tra locali attigui.

Il sistema Evolution di Gasbeton® è invece progettato per divisori interni fonoisolanti resistenti al fuoco e murature di tamponamento (anche con funzione portante). La sua densità a secco pari a 480 kg/m³ e le trasmittanze termiche stazionarie inferiori al 0.3 W/m²K si uniscono a valori di isolamento acustico che raggiungono i 54 dB, a un’alta capacità portante e a formidabili caratteristiche ignifughe, rendendo il prodotto molto versatile dal punto di vista delle applicazioni. Il sistema costruttivo si compone di blocchi lisci o con incastro maschio/femmina, di dimensioni 60×25 cm e con spessori variabili da 5 a 40 cm.

Infine, vale la pena menzionare il sistema Gasbeton® Active, specificamente progettato per murature in blocchi non portanti a massime prestazioni termoisolanti. Indicato per edifici passivi e Nzeb, è il blocco attualmente più isolante in assoluto (300 kg/m3 e valori di conduttività di 0,07 W/mK) ed è indicato per murature di tamponamento su strutture intelaiate, senza esigenza dell’applicazione di isolanti. Questi blocchi lisci o con incastro maschio/femmina sono quindi molto apprezzati in applicazioni edili orientate a una marcata sostenibilità ambientale, al risparmio energetico e al comfort abitativo in tutte le stagioni.

In definitiva, i sistemi costruttivi in muratura in blocchi in termolaterizio o cemento autoclavato aerato oggi disponibili in commercio sono ampi e versatili, utilizzabili sia per la realizzazione di murature portanti che non portanti, e in grado di garantire le più alte prestazioni anche nei progetti più complessi e articolati.

Come specialista nelle progettazione e realizzazione di murature in blocchi per le più diverse applicazioni in ambito urbano, residenziale, industriale e commerciale, con opere accuratamente certificate in termini di posa e regolare esecuzione dei lavori, Cubo è a completa disposizione per offrire consulenza e supporto nella realizzazione del tuo progetto: entra in contatto con i nostri tecnici. 

SOA (acronimo di Società Organismi di Attestazione) e ISO (acronimo di International Organization for Standardization, ossia Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione) sono due tra le sigle più note e frequentemente utilizzate quando si parla di certificazioni aziendali.

Nel settore dell’edilizia in particolare, esse rivestono un ruolo cruciale nel garantire i più alti standard di qualità, sicurezza e affidabilità e contribuiscono al prestigio aziendale tanto quanto alla definizione di un concreto vantaggio competitivo sul mercato. La ragione è facilmente intuibile: ottenere le certificazioni più prestigiose può influire significativamente sulla competitività delle imprese e sulla fiducia che i clienti ripongono in esse. Le certificazioni rilasciate da enti indipendenti dimostrano infatti che un’organizzazione è in grado di operare secondo elevati standard di qualità e sicurezza, offrendo ai clienti la tranquillità di affidarsi a un’azienda competente e affidabile.

Scopriamo a seguire cosa sono l’attestazione SOA e le certificazioni ISO, perché sono considerate importanti e quale legame intercorre tra di esse.

Cos’è l’attestazione SOA e cosa è chiamata a certificare

Ad ampio spettro, l’attestazione SOA è definibile come un riconoscimento che attesta la qualità e l’affidabilità di un’impresa nel settore dell’edilizia e ne conferma i requisiti economico-organizzativi. Emanata dalla Società Organismi di Attestazione, un ente che ha il compito di verificare la conformità delle imprese ai più alti standard qualitativi, di fatto attesta che una determinata azienda possiede le competenze e le capacità di eseguire a regola d’arte lavori pubblici in piena conformità con le normative in vigore.

L’attestazione SOA valuta le competenze tecniche e professionali dell’organizzazione, oltre alla sua solidità finanziaria e alla sua capacità di rispettare gli impegni assunti. L’ottenimento di questa prestigiosa certificazione è un traguardo di notevole valore per qualunque impresa che opera nell’edilizia, proprio perché rappresenta la conferma – da parte di un ente rispettabile e indipendente – della sua capacità di eseguire, sia direttamente che in subappalto, opere pubbliche di lavori con un importo a base d’asta superiore ai 150.000.000 di euro.

È anche importante sottolineare che l’attestazione SOA è obbligatoria per partecipare alle gare d’appalto per l’esecuzione dei lavori pubblici proprio perché offre la garanzia che l’impresa possegga tutte le capacità aziendali e i requisiti previsti dalla vigente normativa relativa ai Contratti Pubblici di lavori. 

L’attestazione SOA è stata introdotta all’inizio del nuovo millennio, con l’abolizione dell’Albo Nazionale dei Costruttori da parte del Decreto del Presidente della Repubblica n. 34 del 25 gennaio 2000. Fino a quel momento – e per quasi quarant’anni – l’accesso agli appalti pubblici era infatti subordinato all’iscrizione dell’impresa all’ANC (Albo Nazionale dei Costruttori, appunto), nel rispetto della Legge n.57 del 10 febbraio 1962. A seguito di una serie di modifiche e perfezionamenti effettuati tra il 2006 e il 2016, la normativa si è ulteriormente perfezionata nel Codice dei Contratti Pubblici vigente.

Durata e requisiti dell’attestazione SOA

Una volta ottenuta, l’attestazione SOA ha una durata quinquennale e prevede una verifica intermedia alla fine del terzo anno: la cosiddetta Verifica Triennale. Nel corso di essa, i requisiti dell’impresa vengono nuovamente esaminati e, in caso di esito positivo, la qualificazione viene estesa per ulteriori due anni, garantendo quindi una validità complessiva di cinque anni.

Il processo di rilascio della certificazione SOA comporta un’approfondita istruttoria che verifica tutta la documentazione prodotta dall’impresa. Tale documentazione riguarda gli ultimi dieci anni di attività dell’organizzazione, con particolare attenzione ai migliori cinque esercizi. L’istruttoria è condotta da Organismi di Attestazione autorizzati dall’AVCP, l’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici.

Per quanto riguarda invece i requisiti necessari a conseguire l’attestazione SOA, essi variano in funzione della categoria di opere e della classe di importo dei lavori pubblici cui l’impresa intende partecipare. Le categorie, cinquantadue in tutto, sono suddivise tra opere di carattere generale OG (tredici, che includono edilizia civile e industriale, fogne e acquedotti, strade, restauri e altro ancora) e opere specializzate OS (trentanove, che includono impianti, restauri di superfici decorate, scavi, demolizioni, arredo urbano, finiture tecniche, finiture in legno, in vetro e in gesso, arginature e altro ancora).

Le classifiche di qualificazione, che sono dieci in tutto e vengono identificate con numeri romani da I a VIII, presentano soglie minime e massime espresse in euro:

  • I fino a 258.000 euro
  • II fino a 516.000 euro
  • III fino a 1.033.000 euro
  • III bis fino a 1.500.000 euro
  • IV fino a 2.582.000 euro
  • IV bis fino a 3.500.000 euro
  • V fino a 5.165.000 euro
  • VI fino a 10.329.000 euro
  • VII fino a 15.494.000 euro
  • VIII oltre 15.494.000 euro

Ciascuna categoria e classe di importo è associata a un determinato fatturato medio annuo e a un patrimonio netto minimo che l’organizzazione deve dimostrare di possedere.

In aggiunta, per l’ottenimento della certificazione è fondamentale che l’impresa sia in regola con il pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali e che sia conforme alle normative relative alla tutela ambientale e alla sicurezza sul lavoro.

Vi sono infine una serie di requisiti di ordine generale che l’organizzazione deve rispettare per ottenere l’attestazione SOA:

  • Conformità alle disposizioni normative antimafia e requisiti di integrità professionale (assenza di condanne che influenzino la moralità professionale dei titolari, dei rappresentanti legali, dei direttori tecnici e dei soci di società di persone, inclusi i soggetti che hanno cessato la carica nell’anno precedente alla data di stipula del contratto con la SOA).
  • Iscrizione al Registro delle Imprese e assenza di coinvolgimento in procedure concorsuali come fallimenti e concordati preventivi.
  • Assenza di gravi violazioni nello svolgimento dell’attività d’impresa (come ad esempio errori gravi nell’esecuzione di lavori pubblici, irregolarità fiscali, false dichiarazioni, severe infrazioni in materia di sicurezza, ecc.)
  • Nessuna produzione di false dichiarazioni con dolo o colpa grave.
  • Rispetto della normativa che disciplina il diritto al lavoro delle persone affette da disabilità.
  • Regolarità del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

E le certificazioni ISO?

Come accennato in apertura di articolo, l’acronimo ISO identifica l’International Organization for Standardization, ossia l’organizzazione specializzata nella definizione delle norme tecniche che le aziende devono rispettare per risultare in piena conformità con determinati parametri di valutazione.

Più che di “certificazione ISO” è quindi più corretto parlare di “certificazioni ISO”, ossia di varie tipologie di attestazione emesse dalla più autorevole organizzazione mondiale sull’argomento: tutte volontarie (ciò significa che aderire alle norme ISO non è obbligatorio per legge), queste certificazioni garantiscono la conformità dell’organizzazione a specifici criteri valutativi atti a confermare la presenza di particolari elementi nei processi aziendali.

Tra le più note certificazioni ISO figurano la ISO 9001, che definisce i requisiti generali del sistema di gestione qualità interno all’impresa, e la ISO 14001, che descrive invece la struttura gestionale per l’integrazione in azienda delle pratiche di gestione ambientale.

Attenzione quindi a non confondersi: l’attestazione SOA è ben diversa da una certificazione ISO, che si focalizza sui sistemi di gestione della qualità delle organizzazioni ed è di natura volontaria, non costituendo pertanto un requisito obbligatorio per partecipare a gare d’appalto pubbliche.

È comunque importante ribadire che alcune stazioni appaltanti possono richiedere la certificazione ISO come requisito aggiuntivo a conferma del livello di qualità dei prodotti e servizi offerti dall’azienda (è il caso, ad esempio, delle qualificazioni in classifiche superiori alla II, per le quali è necessario dimostrare il possesso di un Sistema Qualità certificato secondo la norma UNI EN ISO 9001).

Inoltre, la presenza di una certificazione ISO può agevolare il processo di ottenimento dell’attestazione SOA perché contribuisce al rispetto di alcuni requisiti tecnici e organizzativi stabiliti dalla normativa vigente.

In estrema sintesi, ribadiamo che la certificazione ISO attesta la qualità dei prodotti e dei servizi di un’organizzazione, mentre l’attestazione SOA ne conferma le capacità per partecipare a gare d’appalto pubbliche. Va da sé che l’ottenimento di entrambe le certificazioni dimostra un impegno completo verso l’eccellenza e la conformità agli standard più elevati, l’esistenza di processi di lavoro ben definiti, una cultura orientata alla qualità e una volontà di miglioramento continuo. Questa virtuosa combinazione di certificazioni aumenta pertanto la credibilità dell’impresa e la sua capacità di competere sul mercato.

In conclusione, comprendere appieno le certificazioni è essenziale per gli attori del settore edilizio perché consente loro di mantenere una posizione di leadership e di vedersi garantita la fiducia dei clienti e degli enti pubblici. E sebbene l’ottenimento dell’attestazione SOA e delle certificazioni ISO richieda impegno, risorse e un forte orientamento alla qualità, i benefici a lungo termine superano di gran lunga gli sforzi necessari per conseguirle.

Dal 2017, CUBO è un costruttore qualificato di opere pubbliche con Attestazione SOA per i Contratti Pubblici. Inoltre, l’impresa è in possesso delle certificazioni ISO 9001 e ISO 450001, confermando la propria tensione alla qualità della gestione d’impresa e alla sicurezza sui luoghi di lavoro. Puoi approfondire le nostre certificazioni alla sezione dedicata.

Tra le soluzioni più utilizzate per la realizzazione di pavimentazioni esterne, in particolare quelle di parcheggi e aree cortilive, i masselli autobloccanti sono considerati una scelta d’elezione in virtù di caratteristiche tecniche ritenute essenziali in tali applicazioni. Tra queste figurano l’elevata resistenza all’usura e alle sollecitazioni, l’ecocompatibilità, la semplicità di posa, la carrabilità, l’estetica del risultato finale e la convenienza economica.

Disponibili in vari formati e di spessore variabile tra i 4 e i 15 centimetri, i masselli autobloccanti si distinguono inoltre per la loro texture ricercata, per la disponibilità di stonalizzazioni e sfumature in diversi stili – che li rendono adatti sia a contesti tradizionali che moderni – e per una marcata capacità di tollerare l’abrasione e i cicli di gelo e disgelo. Anche l’importante aspetto della sicurezza è soddisfatto da questi versatili elementi costruttivi, che vantano una superficie antisdrucciolo e limitano in tal modo il rischio di scivolamento e caduta.

Per chiarezza, ricordiamo che una pavimentazione in masselli viene definita autobloccante perché realizza in opera un sistema di elementi in calcestruzzo posati a secco su un letto di sabbia e successivamente sigillati, sempre a secco, con sabbia fine asciutta. Tali superfici sviluppano una efficiente distribuzione dei carichi superficiali tramite il piano d’appoggio e l’attrito prodotto dai giunti.

I pavimenti in masselli autobloccanti sono quotidianamente utilizzati sia per nuove realizzazioni che per ristrutturazioni, incluse quelle di luoghi dal marcato prestigio storico e culturale, grazie all’ampia possibilità di variazioni estetiche e alla relativamente scarsa invasività degli interventi di posa rispetto ad altre soluzioni.

Nella progettazione delle pavimentazioni con masselli autobloccanti, la corretta redazione degli schemi di posa e dei disegni esecutivi rappresenta la conditio sine qua non per un risultato ottimale tanto dal punto di vista estetico quanto da quello funzionale.

Le fasi esecutive della posa in opera di un pavimento con masselli autobloccanti

La realizzazione di una pavimentazione in masselli autobloccanti è il risultato di una serie di fasi esecutive ben precise, che iniziano con la preparazione di un sottofondo adeguatamente dimensionato e compattato in relazione al piano d’appoggio e ai carichi che la superficie dovrà tollerare. Se necessario, precedentemente alla posa della pavimentazione dovrà inoltre avvenire la posa in opera dei cordoli di contenimento laterale.

Gli step esecutivi della posa in opera di un pavimento con masselli autobloccanti possono essere così riassunti:

  1. Verifica del piano di finitura del sottofondo.
  2. Analisi e verifica del contenimento laterale del pavimento, con eventuale posa in opera di cordoli.
  3. Se necessario, posa di superfici geotessili: i geotessuti sono materiali permeabili tipicamente utilizzati nelle opere di ingegneria civile con funzione di distribuzione dei carichi, separazione, filtrazione o rinforzo.
  4. Stesura e staggiatura della sabbia di allettamento dei masselli autobloccanti.
  5. Posa dei masselli autobloccanti, che potrà essere eseguita manualmente o con l’ausilio di macchine speciali, ideale soprattutto per superfici molto ampie. Questa fase ha l’obiettivo di collocare i masselli sul piano di allettamento secondo lo schema di posa prestabilito in fase di progetto.
  6. Primo inserimento dei giunti, ossia degli interspazi tra masselli tra loro adiacenti e tra masselli ed eventuali elementi di contorno.
  7. Vibrocompattazione del pavimento con macchina idonea, al fine di allettare i livellare i massetti autobloccanti e saturare parzialmente i giunti.
  8. Sigillatura finale dei giunti, una fase che, nuovamente, potrà avvenire in modo manuale o a macchina.

Quali sono i possibili schemi di posa delle pavimentazioni con masselli autobloccanti?

Esistono diverse geometrie o schemi di posa delle pavimentazioni con masselli autobloccanti, e dipendono essenzialmente dalla tipologia di masselli impiegati e dalle esigenze di progetto. Va da sé che la scelta dello schema di posa più corretto avverrà quindi in relazione ai formati, all’estetica finale da ottenere e soprattutto alla destinazione d’uso della pavimentazione.

Per esempio, nel caso di masselli autobloccanti con effetto anticato o destinati a contesti di particolare pregio storico, si potranno realizzare diverse geometrie di posatura – a coda di pavone, a correre, ad archi contrastanti, solo per citarne alcune – anche in funzione della varietà di formati disponibili (da quelli quadrati a quelli rettangolari, fino a quelli ottagonali).

In generale, va comunque ribadito che le linee guida di settore suggeriscono di evitare schemi di posa a giunti non sfalsati nel caso di pavimentazioni soggette a carichi veicolari. La ragione è legata al fatto che le ruote gommate tendono a muovere e a far ruotare i masselli, che dovranno pertanto contrastare tale sollecitazione con uno schema di posa corretto.

Per tale applicazione, si suggerisce invece una geometria a spina di pesce che risulti in diagonale di 45 gradi rispetto alla principale direzione di marcia: in questo modo, i masselli potranno contrastare adeguatamente la sollecitazione prodotta dalle ruote dei veicoli. La procedura da seguire prevede il fissaggio preliminare del reticolo di posa, un’operazione necessaria in special modo laddove siano previsti diversi formati di massello.

Al contrario, andrebbe invece evitato uno schema di posa a sorella, ossia con linee continue dei giunti nella direzione del traffico veicolare, perché frenate, sterzate e accelerazioni dei mezzi tenderebbero ad allargare alcuni giunti e a restringerne altri a causa dello slittamento orizzontale dei masselli autobloccanti.

Di norma, i masselli autobloccanti presentano profili distanziatori sulla superficie laterale al fine di facilitare l’accostamento tra diversi elementi e mantenere un’apertura costante dei giunti. Se i masselli fossero privi di distanziatori, sarà comunque necessario garantire al giunto un’apertura massima di 3 millimetri perché solo in tal modo la qualità autobloccante degli elementi potrà essere assicurata.

In fase di posa, i posatori dovranno mantenere inoltre un fronte aperto per l’installazione degli elementi successivi. Diversamente, si vedrebbero infatti costretti a un inserimento forzato dei masselli. L’inserimento dei vari elementi, lo ricordiamo, deve avvenire semplicemente per accostamento con l’ausilio di fili di inserimento posizionati a distanza di 4 o 5 metri, in senso longitudinale e trasversale all’avanzamento della posa. La correttezza degli allineamenti dovrà essere periodicamente accertata con l’ausilio di fili collocati secondo due direzioni ortogonali.

Laddove vi siano invece masselli che non possono essere inseriti integralmente, si dovrà procedere con un taglio a misura, purché con parti di massello non inferiori a un terzo del totale. In alternativa, si potrà procedere con un sistema di posa in adiacenza ai bordi.

Per concludere, particolare attenzione dovrà essere prestata alle finiture del pavimento in corrispondenza di caditoie o chiusine, dove è sempre preferibile un drenaggio lineare a canaletta.

Cubo: leader nella progettazione e posa di pavimenti in masselli autobloccanti

Cubo è l’azienda leader nella progettazione architettonica e strutturale e nella posa di pavimentazioni in masselli autobloccanti che risolvono le più diverse esigenze estetiche e funzionali. Lo studio del pacchetto strutturale, nel quale Cubo è esperta e altamente specializzata, rappresenta uno step fondamentale per una corretta realizzazione del manufatto, e prenderà in considerazione le caratteristiche specifiche dei carichi agenti, della tipologia di pavimentazione, della massicciata e del sottofondo.

Le soluzioni chiavi in mano di Cubo si rivelano perfette per le più svariate tipologie di pavimentazioni esterne in ambito residenziale, urbano, commerciale e industriale. La vasta esperienza e la competenza di sviluppata nel campo della progettazione di sistemi strutturali per pavimentazioni esterne assicurano l’attuazione impeccabile di progetti di ogni genere, sia quando semplici e lineari sia quando altamente strutturati e di complessità elevata. 

Entra in contatto con i nostri specialisti per ricevere subito consulenza e supporto sul tuo progetto.

Uno dei principali punti di forza della muratura in blocchi, siano essi di cemento, cemento autoclavato o termolaterizi, è la sua incredibile versatilità applicativa, tanto che proprio a tale qualità abbiamo accennato in un nostro precedente approfondimento.

Dalle murature portanti alle pareti monostrato, dalle partizioni verticali ai muri antincendio/tagliafuoco, fino alle murature esterne e di rivestimento facciavista, questi elementi costruttivi sono progettati per soddisfare una varietà di esigenze strutturali, di performance ed estetiche e si adattano in modo sinergico ai contesti architettonici più diversi.

Proprio in virtù di tale flessibilità applicativa, la muratura in blocchi si presta efficacemente alla realizzazione di strutture opache verticali sia su edifici a destinazione residenziale che pubblica, professionale, industriale e commerciale garantendo prestazioni funzionali molto elevate sia dal punto di vista dell’isolamento termoacustico che della resistenza al fuoco.

Ferme restando le molteplici applicazioni possibili delle murature in blocchi, vogliamo oggi concentrarci in particolare sul loro impiego nella realizzazione di pareti di compartimentazione, tamponamento e rivestimento.

Muratura in blocchi e compartimentazione

In edilizia e architettura, il termine “compartimentazione” abbinato alle strutture verticali identifica la suddivisione di una determinata area al fine di controllare e contenere la propagazione di un incendio (fiamme e fumo). La pareti di compartimentazione di fatto rappresentano quindi una vera e propria barriera fisica alla diffusione del fuoco, evitando che questo si espanda ad aree attigue o addirittura all’intero edificio: per tale ragione, le compartimentazioni sono considerate anche “zone sicure” per le persone e un efficace sistema di protezione passiva.

La resistenza al fuoco dei muri di compartimentazione si fonda, essenzialmente, sulla stabilità strutturale della parete stessa, ossia sulla sua capacità di resistere al collasso, di contenere il fuoco e di isolare termicamente. Se la parete include impianti al proprio interno, la posa della compartimentazione dovrà necessariamente comportare l’impiego di dispositivi sigillanti intumescenti o di collari intumescenti per gli attraversamenti impiantistici con una resistenza al fuoco pari a REI 120. La ragione di tale approccio costruttivo risiede nel fatto che l’unico modo di contrastare efficacemente la propagazione di un incendio è evitare che nella compartimentazione sia presente anche il più piccolo varco (ossia un’area non sigillata) dal quale fuoco e fumo possano trasferirsi da un ambiente all’altro. 

La muratura in blocchi si dimostra un’eccellente soluzione per la realizzazione di pareti di compartimentazione. Nel caso questa sia realizzata in calcestruzzo cellulare, ossia in calcestruzzo aerato autoclavato (CAA), la protezione passiva sarà infatti garantita da un materiale incombustibile in Euroclasse A1, con una classe REI che aumenta con l’incremento dello spessore dei blocchi impiegati. I blocchi in Gasbeton®, ad esempio, manifestano un eccellente comportamento al fuoco e tollerano temperature fino a 1200°C. Inoltre, a contatto con il fuoco non bruciano, non si crepano e non emettono alcun gas tossico pericoloso per le persone.

Anche nel caso dei termolaterizi (uno dei marchi più conosciuti è, in tal senso, il noto POROTON®) la resistenza al fuoco è garantita, tanto che questi elementi costruttivi vengono comunemente impiegati per la realizzazione di pareti di separazione o compartimentazione per garage, autorimesse, cavedi, cantine, locali termici ed edifici industriali. La classe di resistenza al fuoco raggiunta dalle tramezze in termolaterizio POROTON® è pari a EI120, con uno spessore di 8 cm più comune intonaco su entrambi i lati, e può raggiungere la massima classe di resistenza prevista dalle norme EI240 semplicemente con uno spessore pari a 12 cm (al quale dovrà nuovamente essere sommato lo spessore dell’intonaco).

Pareti di tamponamento con muratura in blocchi

Chiamate anche muri di tamponamento o di tompagno, le pareti di tamponamento sono le murature perimetrali di un immobile e vengono realizzate per separare gli ambienti interni da quelli esterni. Si tratta quindi delle strutture verticali opache di un edificio con funzione non strutturale.

Nuovamente, la muratura in blocchi rappresenta la soluzione ideale per questa applicazione, sia nelle nuove costruzioni che nella ristrutturazione di immobili preesistenti, in particolar modo per quanto riguarda le strutture verticali monostrato. Queste ultime appartengono alla tecnologia costruttiva delle pareti massive, ossia a sistemi che lavorano sulla massa.

Grazie all’impiego di blocchi in laterizio porizzato come il già citato POROTON®, un termolaterizio alleggerito in pasta dalle elevate qualità tecniche e prestazionali, è possibile realizzare murature di tamponamento monostrato ad alta performance termica (è proprio per questa ragione che il materiale prende il nome di “termolaterizio”), in particolare quando lo studio del sistema prevede geometrie di blocchi con file di microfori orientate in senso ortogonale alla direzione del flusso termico. A tali, ottime caratteristiche termoisolanti vanno poi sommate quelle di resistenza meccanica e di inerzia termica: quest’ultima è essenziale per ottenere benessere abitativo non soltanto in inverno ma anche in estate – e, di riflesso, un tangibile risparmio energetico. Infine, non va dimenticato che le murature in blocchi di termolaterizio si sposano adeguatamente con le più comuni tipologie di malta (cementizia, termoisolante, a base calce e via discorrendo) e con gli intonaci tradizionali o termoisolanti.

I sistemi in blocchi come Ytang e Gasbeton® sono altresì soluzioni efficienti per le pareti di tamponamento, rivelandosi idonei anche per murature con funzione portante in zone geografiche a basso rischio sismico. Estremamente rapidi e semplici da posare, questi elementi costruttivi sono molto più leggeri rispetto a sistemi tradizionali (come ad esempio i classici mattoni forati) e, proprio per questo, offrono il vantaggio aggiuntivo di ridurre il carico che insiste sui solai. La loro grande facilità di lavorazione, che permette un preciso e agevole taglio, foratura e sagomatura, consente inoltre una personalizzazione senza pari nella realizzazione di pareti di tamponamento.

Esattamente come avviene per i termolaterizi, anche i blocchi in calcestruzzo aerato autoclavato ottimizzano le prestazioni di isolamento termoacustico su tamponamenti monostrato, senza alcuna esigenza di applicare ulteriori materiali isolanti.

Muratura in blocchi per il rivestimento

Per quanto riguarda infine il rivestimento, la muratura in blocchi si rivela nuovamente un sistema flessibile per la realizzazione di pareti facciavista estremamente performanti dal punto di vista tecnico ed esteticamente gradevoli, grazie alla disponibilità di una gamma molto vasta di soluzioni che differiscono per dimensione, forma e finitura superficiale.

In tal senso, Gasbeton® propone la gamma ACTIVE, che non necessita di alcun cappotto termico aggiuntivo poiché si compone di blocchi progettati per massimizzare l’isolamento termico: le prestazioni di questa muratura sono così elevate (si ritiene che con i suoi 300 kg/m3 sia oggi la più isolante in commercio) da renderla la soluzione ideale anche per la realizzazione di edifici passivi e Nzeb. Anche la gamma ENERGY si conferma altamente performante ed è ideale per realizzare tamponamenti esterni in muratura monostrato non portante ad alto isolamento termoacustico. Entrambe le soluzioni si caratterizzano infine per un’estetica molto gradevole, esaltata da blocchi bianchi dalla superficie liscia e con incastro maschio/femmina.

Va da sé che, in virtù delle sue ben note caratteristiche tecniche, anche la muratura in blocchi di termolaterizio vada considerata una soluzione efficace per la realizzazione di rivestimenti esterni che non richiedono applicazione di cappotto termico. Tuttavia, questi sistemi richiederanno comunque l’impiego di ulteriori rivestimenti, malte e intonaci per una finitura efficace.

Cubo è leader nella posa di muratura in blocchi per le più diverse applicazioni: dal 2010, rappresenta il partner lungo l’intero iter di progetto, dalla fase consulenziale preliminare fino a quella di design architettonico e progettazione strutturale, grazie alla sua capacità di individuare il sistema costruttivo più adeguato a ogni contesto.

Richiedi la consulenza dei nostri esperti.

Conosciuti anche con il nome di “blocchi alleggeriti”, i blocchi in argilla espansa sono manufatti edili vibrocompressi composti da una miscela di calcestruzzo alleggerito e argilla espansa.

La disponibilità di tali blocchi in diverse forme e densità del calcestruzzo, così come in numerosi colori e texture superficiali progettati per soddisfare diverse esigenze costruttive, li rende oggi una delle soluzioni in assoluto più interessanti non soltanto in termini di possibilità applicative – e quindi di progettazione creativa – ma anche di performance.

Le principali caratteristiche dei blocchi alleggeriti

Come accennato, la prima peculiarità che è opportuno mettere in luce relativamente ai blocchi in argilla espansa è legata alla possibilità di utilizzarne tipologie/versioni differenti a seconda del campo d’impiego.

Nello specifico, i blocchi alleggeriti – la cui forma è generalmente quella di un parallelepipedo – possono variare in lunghezza, larghezza e altezza. Le dimensioni dei blocchi sono spesso modulari, ma comunque studiate in modo tale che il volume del manufatto sia sempre superiore a 5500 centimetri cubi, poiché proprio tale discriminante distingue i blocchi dai mattoni.

Per quanto riguarda l’impasto di base, abbiamo precedentemente indicato che non si tratta di comune calcestruzzo (ossia di un mix di cemento Portland, inerti e acqua) quanto piuttosto di una miscela che include al proprio interno anche la presenza di argilla espansa. Quest’ultima è un inerte minerale a ridotta massa volumica normalmente impiegato nella produzione dei cosiddetti “calcestruzzi leggeri”, ossia materiali che, una volta essiccati, presentano un rapporto massa/volume tra gli 800 kg/mc e i 1700 kg/mc.

La produzione industriale di argilla espansa avviene a partire dalla materia prima cruda che, portata ad alte temperature con l’impiego di specifici forni, subisce la reazione tra carbonato di calcio e acqua dell’impasto, liberando anidride carbonica. L’espansione del gas porta alla formazione di micro-sfere nell’impasto, ossia di alveoli contenenti CO2. Al termine del processo di riscaldamento, il materiale viene investito da aria fredda che, raffreddandolo e ossidandolo, nel provoca la vetrificazione.

Esattamente come avviene per il cemento autoclavato e i termolaterizi (di entrambi abbiamo parlato più esaustivamente in questo precedente approfondimento), anche nel caso dei blocchi alleggeriti ci troviamo quindi di fronte a un sistema costruttivo leggero proprio perché caratterizzato dalla presenza di alveoli nel composto.

Blocchi in argilla espansa: quali applicazioni?

La principale applicazione dei blocchi in argilla espansa è relativa alla costruzione di muri di edifici che dovranno presentare elevate performance isolanti tanto dal punto di vista termico quanto da quello acustico. Inoltre, questi manufatti si rivelano eccellenti soluzioni per la realizzazione di pareti tagliafuoco e persino di giardini pensili, poiché leggeri e rapidi da posare anche in caso di realizzazioni molto ampie.

Dal momento che la versatilità è la caratteristica al cuore dei blocchi alleggeriti, altrettanto flessibili saranno le loro possibilità applicative: ecco quindi che tali sistemi costruttivi potranno essere impiegati per la realizzazione di pareti intonacate o facciavista, poiché la gamma di prodotti disponibile include tipologie di blocco destinate a entrambi questi impieghi.

Inoltre, si rivelano una soluzione ottimale sia per la costruzione di tramezzi e tamponature sia di murature portanti, ordinarie o armate, anche relative a edifici costruiti in zone geografiche ad elevato rischio sismico. Esistono in tal senso diverse tipologie di blocchi alleggeriti che rispondono alle più diverse esigenze costruttive: termici e sismici, progettati per murature con elevate caratteristiche di bioclimaticità; blocchi per partizioni ad elevate prestazioni termoacustiche e di resistenza al fuoco, posabili con un sistema a incastro semplice, sicuro e veloce; blocchi fonoisolanti per murature monostrato (ideali ad esempio per partizionare diverse unità abitative); blocchi tagliafuoco a densità ottimizzata per incrementare la sicurezza al fuoco; blocchi architettonici per pareti di rivestimento, portanti o di tamponamento; blocchi fonoassorbenti e via discorrendo.

Va da sé che, considerata l’ampiezza delle tipologie di blocchi alleggeriti disponibili, dovrà essere individuata quella più adeguata a seconda della destinazione d’uso.

In tal senso, si farà riferimento a un dato specifico, ossia alla percentuale di foratura:

  • Blocchi in argilla espansa con percentuale di foratura <45%: ideali per la realizzazione di muri portanti in zone ad alto rischio sismico.
  • Blocchi in argilla espansa con percentuale di foratura tra 45% e 55%: indicati per la costruzione di murature portanti in zone a basso rischio sismico.
  • Blocchi in argilla espansa con percentuale di foratura tra 50% e 70%: progettati per la costruzione di tramezzi e tamponature.

70% è, peraltro, la massima percentuale di foratura possibile per questo tipo di manufatti.

I vantaggi dei blocchi alleggeriti nella costruzione di murature

Chiarita la composizione, le caratteristiche fondamentali e le principali applicazioni dei blocchi in argilla espansa, scopriamone ora i numerosi vantaggi.

Per sua natura, l’argilla espansa conferisce a questi manufatti eccellenti prestazioni di isolamento e inerzia termica, così come di isolamento acustico, traspirabilità e bioclimaticità. Allo stesso tempo, i blocchi alleggeriti si dimostrano anche molto resistenti alle sollecitazioni meccaniche e vantano un ottimo comportamento al fuoco.

Riassumendo, quindi, i blocchi alleggeriti sono considerati elementi costruttivi ad elevate performance perché garantiscono:

  • Elevata sicurezza in caso di incendio
  • Buone doti di resistenza meccanica
  • Alte prestazioni di isolamento acustico e fonoassorbenza
  • Ottime performance bioclimatiche
  • Marcata traspirabilità
  • Elevate prestazioni di inerzia termica e isolamento
  • Ecocompatibilità
  • Grande versatilità, che rende questi sistemi costruttivi un’ottima soluzione anche nell’ambito della prefabbricazione
  • Flessibilità applicativa, con possibilità di realizzare murature intonacabili o facciavista
  • Leggerezza e maneggevolezza, e di riflesso facilità di trasporto e di messa in opera
  • Semplicità e rapidità di posa
  • Stabilità dimensionale e indeformabilità
  • Traspirabilità
  • Attrezzabilità delle pareti, che si dimostrano solide e robuste

Dal 2010, Cubo è leading company nella posa di muratura in blocchi e partner unico del committente in tutte le fasi del progetto, sia per quanto riguarda l’aspetto architettonico che strutturale.

La lunga esperienza del team e l’elevato grado di competenza maturato negli anni permettono di individuare soluzioni costruttive e approcci efficaci per ogni tipo di applicazione: efficienza, disponibilità, reattività e trasparenza sono soltanto alcune delle numerose doti che ci hanno permesso di contribuire, negli anni, alla realizzazione di numerosi progetti di successo.

Entra in contatto con i nostri consulenti per ricevere assistenza e supporto o per parlarci delle tue esigenze.

La progettazione e realizzazione di qualunque opera edile deve sempre essere il risultato di un efficace processo di razionalizzazione preliminare, che prevede innanzitutto la scelta più adeguata dei materiali e delle tecniche di posa da utilizzare.

Nel caso delle murature, il progettista ha oggi a disposizione svariate soluzioni e, tra le più interessanti, figurano certamente quelle in blocchi di cemento autoclavato e in termolaterizio. Entrambi questi materiali possono infatti essere impiegati per la realizzazione di murature portanti o di tamponamento così come di pareti monostrato, sistemi costruttivi le cui molteplici funzioni – dal controllo igrometrico all’isolamento termoacustico, dalla portanza al tamponamento, fino all’attrezzabilità – sono svolte, appunto, dalla muratura.

Tuttavia, esistono sostanziali differenze tra il blocco di cemento autoclavato e il termolaterizio, e comprenderle è fondamentale per procedere a una scelta che soddisfi appieno le esigenze strutturali, funzionali e persino estetiche del progetto.

La muratura in blocchi di cemento autoclavato: caratteristiche e applicazioni

Definito più propriamente calcestruzzo aerato autoclavato (CAA) e conosciuto anche con il nome di cemento cellulare, il cemento autoclavato è un materiale per l’edilizia caratterizzato da un’estrema leggerezza grazie al “sistema a vuoto” (legato appunto alla presenza di vuoti d’aria nella struttura) che lo costituisce. Rapido da posare e molto maneggevole, si compone di sabbia silicea, ossido di calcio, cemento Portland e acqua ed è considerato – proprio in virtù del suo contenuto di sabbia silicea, una materia prima di origine naturale – ecologico ed ecosostenibile.

Tipicamente di colore bianco, il cemento autoclavato vanta un elevato potere coibentante, è ignifugo, insensibile all’umidità e resiste ottimamente alle escursioni termiche e al gelo. Si dimostra inoltre permeabile all’acqua, e la sua struttura porosa garantisce un efficace assorbimento acustico, migliorando il comfort ambientale negli spazi indoor. In virtù delle sue caratteristiche tecniche, che permettono di rispondere alle esigenze di praticità e comfort richieste alle costruzioni attuali, viene utilizzato ampiamente per realizzazioni che sono tanto funzionali e performanti quanto ecocompatibili.

Per quanto riguarda le applicazioni, questo materiale è considerato una scelta ottimale sia per la costruzione di nuove murature sia in caso di interventi di demolizione e ricostruzione parziali o totali – ad esempio laddove l’involucro debba essere sostituito mantenendo però la struttura portante. Può inoltre essere utilizzato per la realizzazione di murature esterne, di murature massicce monostrato e persino di pareti tagliafuoco.

Inoltre, il CAA può essere impiegato anche in aree soggette a rischio sismico in virtù della sua elevata resistenza meccanica e leggerezza, poiché, in caso di scosse, la forza sismica che agisce sulla parete è proporzionale al peso della muratura: pertanto, a un blocco di peso inferiore corrisponderà una minore forza sismica a sollecitare la parete.

In definitiva, una muratura realizzata in blocchi di cemento autoclavato si dimostrerà efficiente dal punto di vista energetico grazie alle sue caratteristiche di isolamento termoacustico (risultato della presenza di bolle d’aria nei blocchi), leggera grazie alla riduzione della massa, semplice e rapida da posare, traspirante, solida e sicura, salubre per le persone e sostenibile per l’ambiente perché riciclabile al 100% in fase di demolizione.

Il calcestruzzo aerato autoclavato è un materiale preconfezionato disponibile sul mercato con diversi nomi commerciali. Due tra questi sono Ytong e Gasbeton®, entrambi considerati sistemi costruttivi completi per la realizzazione di murature che vantano, contestualmente, caratteristiche di portanza e isolamento senza necessità di ricorrere a isolanti aggiuntivi.

Specialmente nel nostro Paese, in cui la soluzione più adottata per le strutture verticali opache degli edifici residenziali è il sistema composto da muratura e cappotto (parete massiccia in laterizio) e, in quelli non residenziali, la muratura in pannelli prefabbricati in calcestruzzo, il cemento autoclavato rappresenta una formidabile alternativa per il progettista che desidera realizzare sistemi leggeri e altamente performanti.

Per quanto riguarda la posa dei blocchi Gasbeton® o Ytong, essa avviene senza l’impiego di altri materiali coibentati. Nella costruzione di murature piane non sono inoltre necessari ulteriori rivestimenti, sebbene i blocchi possano comunque essere tinteggiati, rivestiti con piastrelle ceramiche o decorati con altri materiali: le possibilità di finitura di questo materiale sono quindi molto versatili.

Laddove l’esigenza del progetto sia quella di posare più blocchi di dimensioni maggiori, si procederà all’impiego di leganti.

La muratura in termolaterizio: caratteristiche e applicazioni

Il termolaterizio, conosciuto anche con il nome di laterizio porizzato, è un materiale da costruzione nato alla fine degli anni Sessanta con la produzione industrializzata di impasti alleggeriti con alveoli, risultato dell’additivazione dell’argilla cruda di specifiche quantità di alleggerenti prima della fase di formatura.

Le macroporizzazioni del termolaterizio possono essere il risultato dell’additivazione dell’argilla cruda con polistirolo espanso (in minuscole sfere di formato tra 1 e 2 millimetri), che brucerà durante la fase di cottura scindendosi in acqua e anidride carbonica, o con farine di legno, fossili, di cellulosa o di origine non organica. Il risultato finale sarà essenzialmente lo stesso: un manufatto caratterizzato dalla presenza di macro e micropori, chiamati alveoli, che contengono esclusivamente aria e che non sono tra loro comunicanti.

Come è facile intuire, nonostante la differenza di composizione tra termolaterizi e cemento autoclavato, questi due materiali mostrano il punto in comune di una maggiore leggerezza rispetto ad altri sistemi costruttivi. Di riflesso, il termolaterizio così come il CAA si dimostrerà più termicamente performante rispetto al laterizio tradizionale – seppur meno resistente di esso dal punto di vista meccanico.

I termolaterizi abbinano alle loro doti di resistenza termica anche un’elevata inerzia termica, ovviamente essenziale per assicurare il necessario comfort abitativo agli ambienti interni sia in estate che in inverno (e un conseguente, tangibile risparmio energetico). Sono inoltre materiali facilmente lavorabili, possono essere tagliati, fresati e chiodati con estrema semplicità, e vantano buona permeabilità al vapore, qualità di assorbimento del rumore e resistenza al fuoco.

Nella realizzazione di murature, i blocchi in termolaterizio si rivelano pertanto una scelta ideale per pareti monostrato che non richiedono l’applicazione del cappotto termico. Il materiale, ideale sia per nuove realizzazioni che per la ricostruzione di pareti preesistenti nell’ambito di ristrutturazioni o riqualificazioni edilizie con finalità di miglioramento delle prestazioni energetiche, può essere utilizzato anche per la costruzione di tramezze, pareti tagliafuoco, murature divisorie interne e di tamponamento, contropareti in muratura pluristrato, pareti ventilate e doppie pareti fonoisolanti. Diversamente dal cemento autoclavato, tuttavia, i termolaterizi necessiteranno dell’impiego di materiali aggiuntivi come intonaci, rivestimenti, malta per giunti a base cemento, calce o termoisolante.

Dal punto di vista della commercializzazione, i termolaterizi più conosciuti sono quelli a marchio Poroton®, disponibili in varie versioni e dimensioni per realizzare murature con spessore variabile dai 10 ai 45 centimetri. La loro posa a fori verticali, sommata alla massa del termolaterizio, garantisce alla muratura in blocchi Poroton® un alto livello di rigidità e ottime doti di resistenza a fronte di una realizzazione rapida e agevole. È importante tenere a mente che, per incrementare le qualità isolanti della muratura in termolaterizio, è possibile applicare uno strato di materiale isolante in aderenza o contenuto tra due pareti tramite interposizione di pannelli termoisolanti o anche fonoassorbenti.

Infine, va ricordato che alcuni termolaterizi si distinguono per la presenza di particolari fori, nei quali in fase di posa viene inserito materiale isolante naturale o sintetico al fine di ottenere pareti di tamponamento dalle elevate performance. In tali realizzazioni, l’applicazione di termointonaco o cappottatura esterna sarebbe da considerarsi ridondante.

In conclusione, le murature in blocchi di cemento autoclavato e in termolaterizi sono entrambe soluzioni estremamente funzionali ed efficienti per vedersi garantite ottime qualità strutturali e di isolamento termoacustico. Durante la fase progettuale, il tecnico dovrà valutare con la massima cura e con l’ausilio di opportuni strumenti di indagine le prestazioni dei due materiali, tenendo conto in particolare fattori quali la resistenza massima, l’isolamento termoacustico unito all’eventuale esigenza di isolamento aggiuntivo, il rischio di ponti termici, lo spessore e la lavorabilità.

Fondata nel 2010, Cubo è oggi il punto di riferimento nella posa di murature in blocchi: proponendosi come interlocutore unico per il committente sia nella fase di progettazione architettonica che strutturale, permette di individuare l’approccio costruttivo più corretto qualunque siano le esigenze.

Entra in contatto con i nostri esperti per ricevere una consulenza.